La questione dello sciopero dei netturbini a Castellammare di Stabia non si è sviluppata a favore di quei trenta lavoratori che rischiano il luogo di lavoro. L’incontro tanto auspicato soprattutto dai sindacati non è avvenuto e lo sciopero che era stato annunciato si farà. Non solo l’immondizia non verrà raccolta lunedì 12 dicembre ma ci sarà anche un presidio dalle ore 10.00 alle ore 12.00 presso il piazzale antistante il Comune di Castellammare di Stabia in concomitanza con lo sciopero. Nell’occasione, come si legge nella comunicazione mandata dai sindacati, una delegazione di rappresentanti dei lavoratori di Fp Cgil, Uiltrasporti e Fiadel chiederà di essere ricevuta dalla Commissione Prefettizia che amministra il Comune.

Il commissario Raffaele Cannizzaro dinanzi a questa vicenda si è mostrato apparentemente tranquillo e non si è voluto sbottonare ulteriormente su una vicenda delicata. Resta il fatto che da quando è stato annunciato lo sciopero, non ci sono stati passi avanti tra le parti per trovare una soluzione, nonostante gli sforzi da parte dei sindacati che si sono spinti anche oltre le loro responsabilità e possibilità. La partita rimane aperta ma è giusto sottolineare che si sta giocando sul futuro di trenta lavoratori che rischiano tra la fine di quest’anno e l’inizio del 2023 di rimanere senza lavoro. Su questo aspetto il commissario Cannizzaro non può stare tranquillo.





Source link

Domenico Iovane , 2022-12-09 20:30:24 ,
videonola.tv ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *