Chi sono i Gucci, storia breve di Guccio Gucci e le critiche al film

Chi sono i Gucci, storia breve di Guccio Gucci e le critiche al film

Chi sono i Gucci, storia breve di Guccio Gucci e le critiche al film


Mentre il nome Gucci riecheggia nei corridoi della moda come un simbolo di eleganza senza tempo, spesso si ignora l’uomo che è stato il inventore di questo storico marchio.

Ecco perché è fondamentale svelare la figura di Guccio Gucci, il cervello che ha trasformato una semplice idea in un colosso globale del lusso.

Le radici di Guggio Gucci: dalla reception del Savoy alla bottega di Firenze

Nato in una famiglia fiorentina, Guccio Gucci non ha iniziato la sua carriera nel mondo del lusso. Invece, si è trovato immerso nell’ambiente opulento del Savoy Hotel di Londra, dove ha iniziato ad apprezzare la bellezza e la qualità della pelletteria, osservando le valigie e borse degli ospiti facoltosi.

Questa esperienza è stata importante, tanto da spingerlo a ritornare a Firenze con un sogno ben definito: creare una sua boutique di pelletteria.

L’OFFICIEL rende omaggio alla sua trascendentale influenza nel panorama del lusso e alla sua eredità in una delle etichette di moda più in vista oggi.

Da piccoli inizi alle vette astronomiche

L’anno 1921 è stato un momento fondamentale non solo per Guccio ma per il mondo della moda in generale. A Firenze, il suo primo vero negozio Gucci apre i battenti. Inizialmente, la clientela era ristretta principalmente a cavalieri in cerca di accessori in pelle di alta qualità. Ma Guccio vedeva oltre, e con l’apertura di una filiale a Roma nel 1938, il marchio iniziò la sua ascesa irresistibile nell’universo del lusso.

L’arte secondo Guccio, i dettagli che creano un mito

Ma cosa ha reso i prodotti di Gucci così speciali? Era la filosofia di Guccio Gucci riguardo alla qualità suprema. Guccio sosteneva che

L’amarezza della scarsa qualità persiste ben oltre l’oblio di un prezzo basso

Guccio Gucci

Questo mantra di eccellenza è diventato una parte inseparabile dell’identità di Gucci.

La morte di Guccio Gucci

Il 2 gennaio 1953 segna un giorno melanconico nel panorama della moda italiana e mondiale: Guccio Gucci, il visionario inventore del brand omonimo, viene a mancare nella città di Milano. Dopo aver maturato un’invalutabile esperienza presso il Savoy Hotel di Londra, Guccio aveva fatto ritorno a Firenze nel 1921, dove fondò quello che sarebbe diventato un marchio iconico nel mondo della pelletteria e della moda.

Le sue creazioni, dai bauli alle cinture, spesso ispirate all’estetica equestre, avevano conquistato una clientela internazionale ed esigente, grazie ai simboli distintivi come il morsetto e la staffa. Questi elementi sono diventati emblemi riconoscibili del marchio, che continua a onorare la sua visione originale.

Con l’inaugurazione delle boutique nelle capitali della moda, Milano e New York, il marchio Gucci iniziò ad affermarsi come un pilastro globale nel settore del lusso. Nonostante la scomparsa di Guccio, l’impresa familiare non ha perso slancio; i suoi figli Aldo, Vasco, Ugo e Rodolfo hanno assunto il timone, continuando a ampliare e a consolidare l’importanza di Gucci come una delle maison italiane più riconosciute e di successo al livello globale.

L’eredità di Guccio Gucci

Anche se il marchio ha subito numerose evoluzioni, l’eredità di Guccio Gucci rimane indimenticabile e inestimabile. Il suo impegno per la qualità, l’artigianalità e l’eleganza ha fissato standard ineguagliabili nel settore del lusso.

Le critiche al film House of Gucci

Il film House of Gucci, diretto da Ridley Scott e con un cast stellare che include Lady Gaga e Adam Driver, ha acceso i riflettori sull’oscura e affascinante storia della famiglia Gucci. La produzione non è stata accolta con entusiasmo da tutti, soprattutto dai diretti interessati: gli eredi della famiglia Gucci. A loro avviso, il film, che si autodefinisce un racconto “veritiero” degli eventi, compie degli scivoloni narrativi significativi.

YouTube video

Gli eredi della famiglia, così come l’ex direttore creativo del marchio, Tom Ford, hanno espresso disapprovazione per quello che vedono come una distorsione della storia e dell’essenza del brand. Ad esempio, la rappresentazione di figure chiave come Aldo Gucci viene descritta come grottesca e inesatta; personaggi che nella realtà erano complessi e sfaccettati vengono ridotti a caricature insensibili e quasi ‘teppistoidi’.

Ancora più irritante per la famiglia è la raffigurazione di Patrizia Reggiani. Nel film, la ex moglie di Maurizio Gucci viene mostrata come una vittima intrappolata in un mondo dominato dagli uomini, una narrazione che i Gucci ritengono profondamente inesatta.

La memoria dei nostri antenati non merita di essere disturbata solo per mettere in scena un film

E così, mentre House of Gucci può aver catturato l’immaginazione del pubblico globale, sembra aver perso l’approvazione di coloro che sono più intimamente collegati alla storia vera e propria.




L’articolo Chi sono i Gucci, storia breve di Guccio Gucci e le critiche al film
www.napolike.it è stato pubblicato il 2023-10-11 18:42:35 da Gennaro Marchesi