Dossier abusivi, indaga la Procura di Perugia

Dossier abusivi, indaga la Procura di Perugia

Dossier abusivi, indaga la Procura di Perugia


Un ufficiale della Guardia di finanza, all’epoca dei fatti distaccato  alla Procura nazionale antimafia, ha effettuato un centinaio di accessi abusivi alla banca dati delle Segnalazioni di operazioni sospette, strumento di tutela contro il riciclaggio. Ha ricavato così dati personali su politici e personaggi famosi. Con quali intenzioni e per conto di chi dovrà stabilirlo l’inchiesta in svolgimento a Perugia. Il procuratore Raffaele Cantone ha ereditato il fascicolo per il possibile coinvolgimento, anche come parti lese, di magistrati in servizio a Roma.  Gli accertamenti sono partiti nell’ottobre scorso dalla denuncia del ministro della Difesa Guido Crosetto, una delle vittime del presunto dossieraggio. Alla vigilia della nomina governativa, un quotidiano, infatti, indicò un potenziale conflitto di interessi nel compenso per una consulenza. In quei giorni il finanziere, secondo quanto appurato nella prima fase dell’inchiesta, era entrato nel sistema per mettere sotto la lente le attività economiche di Crosetto. Lo aveva fatto all’insaputa dei superiori e senza un motivo investigativo.  Dalle tracce informatiche si è scoperto che l’ufficiale “navigava” abitualmente tra i dati sensibili di altri volti noti, non solo della politica. E’ indagato per accesso abusivo a sistemi informatici. C’è il sospetto di possibili ricatti e di complicità ancora sconosciute. 
Gli accertamenti – secondo quanto informa una nota della procura di Perugia – sono delegati al Nucleo di polizia valutaria della Guardia di finanza di Roma (il reparto di appartenenza del militare finito nei guai) e con la “piena collaborazione e sintonia con il procuratore nazionale antimafia Giovanni Melillo che “già prima dell’avvio dell’inchiesta aveva provveduto a riorganizzare radicalmente il servizio Sos (Segnalazioni operazioni sospette)”.

Andrea Rossini

 


L’articolo Dossier abusivi, indaga la Procura di Perugia
www.rainews.it è stato pubblicato il 2023-08-03 11:06:00 da