Fiuggi – Truffa ai danni dello Stato, due furbetti del reddito di cittadinanza a processo

0
2 mesi ago


Truffa ai danni dello Stato . Questa l’accusa dalla quale si dovranno difendere due furbetti del Reddito di Cittadinanza scoperti dall’Inps, Nel primo caso si tratta di un 31enne residente a Fiuggi che per circa un anno aveva percepito il contributo dello Stato omettendo di dichiarare di essere stato arrestato e che in quel periodo era stato prima in carcere e poi ai domiciliari.

Per la legge non può percepire il reddito di cittadinanza chi ha problemi con la giustizia. Invece l’uomo incurante della disposizione avrebbe intascato in dodici mesi circa diecimila euro. Nei giorni scorsi gli è stata notificata la chiusura delle indagini. Adesso il giudice per le udienze preliminari dovrà decidere se trascinare o meno il fiuggino alla sbarra. L’uomo sarà difeso dall’avvocato Antonio Ceccani.
Per quanto riguarda invece il secondo caso si tratta di una donna romena di 45 anni residente a Torrice che avrebbe omesso di dichiarare che il marito era finito in carcere per reati pregressi. La donna avrebbe dovuto segnalare che il nucleo familiare si era dimezzato. Ma se lo avesse fatto le avrebbero decurtato il contributo. Così la donna si era guardata bene da informare chi di dovere che il coniuge si trovava dietro le sbarre. Quando la vicenda è venuta fuori la donna aveva continuato a percepire mensilmente circa 800 euro al mese. Da qui il rinvio a giudizio per truffa ai danni dello Stato.

Mar.Ming.





Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.