La moglie del consigliere regionale Ferruccio Sansa indagata per circonvenzione di incapace – Imperianews.it

La moglie del consigliere regionale Ferruccio Sansa indagata per circonvenzione di incapace – Imperianews.it

La moglie del consigliere regionale Ferruccio Sansa indagata per circonvenzione di incapace – Imperianews.it



La moglie del consigliere regionale Ferruccio Sansa indagata per circonvenzione di incapace – Imperianews.it

Maria Valeria Valerio, la moglie del consigliere comunale di opposizione in Regione Ferruccio Sansa, è accusata di circonvenzione di incapace nei confronti di un’anziana, Mariangela Troncini  morta a 95 anni che di mestiere faceva la perpetua. A seguito dell’inchiesta coordinata dalla Procura di Genova le è stato sequestrato il conto corrente bancario cointestato col marito.

Con l’avvocata genovese sotto accusa, come riporta il quotidiano “La Verità” c’è pure un prete, Achille Boccia, colpito dalla misura dell’obbligo di dimora, poi revocata

L’inchiesta emerge a pochi giorni dall’arresto dell’architetto Alessandro Cristilli e dell’imprenditore Christian Rosolani, relativa a festini a basse di sesso e droga che avrebbe visto coinvolto (pur non indagato) il vicepresidente della Regione Alessandro Piana che appare nelle carte  come partecipante a una delle serate, ciricostanza da lui negata. Ferruccio Sansa ha chiesto  le dimissioni dell’esponente leghista, invocando il “bunga bunga”. 

Sempre secondo quanto riporta “La Verità” l’avvocata Valerio insieme al sacerdote si sarebbe approfittata dell’anziana perpetua.  Ferruccio Sansa con un post su Facebook ha difeso la moglie sottolineando che sarebbe stata lei stessa a presentare denuncia.

Scrive Sansa “Oggi il giornale La Verità con incredibile tempismo dopo la mia richiesta di dimissioni riguardo all’assessore Alessandro Piana, che non rinnego – riporta una vicenda che ha toccato mia moglie mesi fa. Premetto: ho assoluta fiducia nella magistratura alla quale mia moglie ha fornito ogni elemento utile per chiarire la vicenda. Ma soprattutto ho affetto e fiducia incondizionati verso mia moglie. Un anno fa mia moglie, come avvocato di una persona anziana a lei legata anche da profonda amicizia, l’ha accompagnata a presentare una denuncia ai carabinieri perché temeva che la signora fosse spogliata di un patrimonio milionario da alcune persone che gestivano i suoi conti. Quindi è stata mia moglie a rivolgersi alla magistratura e ai carabinieri. È stata mia moglie a sollevare la questione di fronte alle autorità. È stata mia moglie a chiedere che si facesse chiarezza. Un mese dopo le persone denunciate hanno, come era prevedibile, presentato controdenuncia nei confronti di mia moglie e di un sacerdote (missionario e da anni padre spirituale della donna). La Procura, che non era ancora a conoscenza delle precedente denuncia presentata dalla stessa anziana e da mia moglie, ha aperto un fascicolo e mesi fa aveva indagato mia moglie e il sacerdote. Tutto, credo, sia stato già chiarito. Ripeto: ho fiducia nella magistratura e sono pronto a fornire qualsiasi chiarimento. Aggiungo che non sono stato in alcun modo toccato dalla vicenda che riguarda la professione di avvocato di mia moglie. E quindi non credo vi sia alcun elemento che possa incidere sul compito istituzionale che svolgo”.





Source link