Una mozione di Verdi e Sinistra chiedeva provocatoriamente che il ministero delle Imprese e del Made in Italy fosse chiamato del “Fare italiano”, vista la storica battaglia della destra sulla lingua, ma la maggioranza l’ha bocciata.

Se la destra ci tiene tanto alla lingua, allora anche il ministero del Made in Italy deve cambiare nome. La sfida, del tutto provocatoria, è stata lanciata dal gruppo di Verdi e Sinistra, ma anche il resto dell’opposizione ha promesso battaglia sui nomi dei ministeri. Non è un segreto che il governo Meloni abbia deciso di cambiare la denominazione di diversi dicasteri per dargli un’impronta più identitaria, dall’Istruzione e Merito all’Agricoltura e la Sovranità alimentare. Dopo giorni di discussioni e polemica, la questione è uscita dai temi di prim’ordine dell’opinione pubblica. L’opposizione, però, ha deciso di non mollare l’osso.

Così oggi è stata bocciata in commissione alla Camera una mozione dei deputati di Verdi e Sinistra, Evi e Zaratti, che chiedeva che il ministero del Made in Italy fosse chiamato del “Fare italiano“. La provocazione è chiaramente basata sulla battaglia storica della destra sulla lingua italiana, tra proposte di legge e iniziative di ogni tipo. L’ultima è la polemica lanciata dal vicepresidente della Camera ed esponente di spicco di Fratelli d’Italia, Fabio Rampelli, che ha detto – mentre stava presiedendo l’Aula – che il dispenser di liquido igienizzante va chiamato dispensatore.

La destra non ha preso bene la critica dell’opposizione, tanto che la mozione è stata respinta. Si annunciano però nuovi tentativi, da parte dei gruppi di centrosinistra, di cambiare i nomi dei ministeri del governo Meloni. Quello delle Imprese e del Made in Italy è uno dei più criticati, visto che contiene diverse parole in inglese: dal Pd vorrebbero chiamarlo ministero delle Imprese e dei Prodotti nazionali. Sempre in chiave provocatoria, ovviamente. Riccardo Magi di +Europa, ancora più sferzante, chiede che il ministero del Mare di Nello Musumeci diventi dei Salvataggi in Mare. Ma questo sembra davvero impossibile.



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *