PALERMO – E’ stata dichiarata la morte cerebrale per il detenuto che la scorsa settimana ha cercato di togliersi la vita, legandosi le lenzuola attorno al collo, nella nona sezione del carcere palermitano “Maresciallo Di Bona”, ex Ucciardone. Soccorso dal personale in servizio, gli erano state praticate le prime manovre di rianimazione in attesa dell’arrivo del sanitari del 118. Poi la corsa in ospedale e adesso la morte. E’ il secondo detenuto morto a Palermo in pochi giorni: l’altro, che aveva tentato di togliersi la vita con le stesse modalità nel carcere Lorusso di Pagliarelli, è morto anche lui dopo il ricovero in ospedale.