Ragazzini imbrattano la facciata di Santa Chiara a Napoli – Notizie

Ragazzini imbrattano la facciata di Santa Chiara a Napoli – Notizie

Ragazzini imbrattano la facciata di Santa Chiara a Napoli – Notizie


“Le immagini di tre ragazzini che l’altra sera hanno imbrattato con la vernice spray la facciata di Santa Chiara, tra i monumenti simbolo della nostra città, senza che nessuno dei presenti intervenisse, fanno davvero male.
    Sono l’ennesima testimonianza del profondo degrado culturale e civile in cui è piombata la nostra comunità”. E’ la denuncia del deputato di Alleanza Verdi Sinistra Francesco Emilio Borrelli, che ha ricevuto il video da alcuni residenti e lo ha postato sui suoi profili social. Nel filmato si vedono tre ragazzini, poco più che bambini, imbrattare con la vernice di una bomboletta un muro del complesso monumentale di Santa Chiara, nel cuore di Napoli Quelle immagini, prosegue il deputato, “al tempo stesso testimoniano la necessità di adottare un piano straordinario di vigilanza dei nostri tesori artistici e monumentali, costantemente violati e oltraggiati da teppisti e incivili. Non è la prima volta che accade una simile vergogna – spiega – Per questo abbiamo inviato le immagini alle autorità preposte. Tanti residenti della zona, che frequentano i giardini del complesso monumentale, lamentano che oramai da tempo l’area è messa a soqquadro da gruppi di minorenni che sparano b

Video Napoli, ragazzini imbrattano la facciata di Santa Chiara

 

otti illegali, devastano tutto ciò che è possibile, imbrattano le mura, insultano e molestano i turisti”. Secondo Borrelli, “i genitori dei baby teppisti non possono chiamarsi fuori dalle loro responsabilità. Siano individuati e condannati a risarcire il danno che i loro figli hanno causato pagando di tasca loro la pulizia della facciata. Non è giusto che a farne le spese della loro incapacità genitoriale sia l’intera collettività”.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA


L’articolo Ragazzini imbrattano la facciata di Santa Chiara a Napoli – Notizie
www.ansa.it è stato pubblicato il 2023-10-28 21:39:56 da