Chiuso il bando per gli operatori interessati a partecipare ai mercatini natalizi, la programmazione dei diversi appuntamenti commerciali a Veroli prosegue.
Le prossime date, l’idea dell’amministrazione e la linea di azione nelle parole dell’assessora al commercio Alessandra Cretaro: «La nostra città, con il suo centro storico, è una cornice perfetta per ospitare le eccellenze del territorio. Per questo, dopo l’ottima riuscita delle iniziative degli anni scorsi, anche quest’anno saranno proposte due date calate nella magica atmosfera natalizia. L’8 dicembre, come da tradizione, e domenica 18. A hobbisti, artigiani ed espositori vari si uniranno anche le aziende agricole perché il territorio sia il vero protagonista dei vari appuntamenti».

Una direttrice che l’amministrazione sta perseguendo anche con “Veroli Doc”. «Ogni prima domenica del mese sarà proluogo un percorso di ospitalità, degustazioni, esposizioni ma anche laboratori e giochi per bambini – spiega l’assessore – Questo progetto è stato pensato a lungo termine e disegnato esattamente per la nostra città. Abbiamo iniziato a novembre con una risposta eccezionale di visitatori e partecipanti. Domenica 4 dicembre, il prossimo appuntamento di “Veroli Doc”. Queste iniziative vedono la collaborazione di molti attori importanti di settore quali Coldiretti, Cia e Confagricoltura. Una sinergia che punta tutto sulla promozione territoriale e la valorizzazione patrimonio locale».

L’assessore Cretaro sottolinea: «Il commercio di prossimità è una risorsa, per questo puntare su un’offerta di prodotti specifici a cadenza fissa può essere una giusta strategia per valorizzare tradizioni e territorio incentivando anche il micro commercio. Nella congiuntura economica attuale, la vendita di prodotti di qualità e peculiari, può fare la differenza. L’obiettivo è sostenere il potenziale turistico di Veroli, oltre che per il pregiato patrimonio artistico, storico e culturale anche attraverso la tutela, la diffusione e la promozione della tradizione enogastronomica e la produzione locale tutta».





Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *