Agrigento, il Procuratore: “Navi pirata depredano barchini di migranti”

0

[ad_1]

AGRIGENTO – “Sono diversi i pescherecci che depredano, con veri e propri blocchi navali, i barchini carichi di migranti. Pirati che portano via quelli che sono i beni più preziosi, cioé il motore della carretta che resta alla deriva, ma anche contanti e cellulari, quindi quello che serve per chiedere aiuto e soccorso”. Lo ha detto il procuratore capo facente funzioni ad Agrigento Salvatore Vella durante la conferenza stampa per il fermo di 4 tunisini, comandante ed equipaggio di un peschereccio tunisino. I fermati sono stati trovati in possesso di due motori rubati ai barchini, 5 cellulari e del denaro e sul peschereccio non c’era nè pesce, nè reti per la pesca.

“prioritario il lavoro all’hotspot”

“E’ difficoltoso, da un punto di vista di polizia giudiziaria, sia per il numero di sbarchi e di migranti che arrivano a Lampedusa, lavorare sull’isola. E questo perché la priorità è l’alleggerimento dell’hotspot – ha aggiunto il procuratore Vella – Mancano gli interpreti, sull’isola abbiamo i migliori investigatori, ma se non abbiamo interpreti non riusciamo a sentire e capire i migranti. Ma mancano anche i mediatori culturali, indispensabili per agganciare ogni possibile sfaccettatura dei racconti. E’ stata un’attività corale che – ha concluso – ha coinvolto guardia costiera, perché tutto nasce come evento Sar di 3 barchini, poi è intervenuta la guardia di finanza e poi c’e’ stato l’intervento della squadra mobile”.

[ad_2]
L’articolo Agrigento, il Procuratore: “Navi pirata depredano barchini di migranti”
livesicilia.it è stato pubblicato il 2023-07-31 12:35:28 da Redazione

Potrebbe piacerti anche
Lascia una risposta

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More