Angelosanto ricorda le «bacheche con nomi e foto dei latitanti di ‘ndrangheta»

0


ROMA «Un periodo di grande tensione e pressione, ma anche di grande impegno e spinta ideale. Nelle bacheche delle caserme c’erano i nomi e le foto segnaletiche dei latitanti, elenchi lunghissimi: quasi tutti i capi di Cosa nostra, camorra e ‘ndrangheta». E’ un passaggio dell’intervista rilasciata al Corriere della Sera del generale Pasquale Angelosanto, il comandante dei Ros che ha catturato Matteo Messina Denaro, in procinto di andare in pensione. Angelosanto ripercorre la sua lunga carriera dedicata alla lotta al reato e ricorda la cattura del boss della Camorra, Carmine Alfieri. «Lo prendemmo l’11 settembre 1992, e sebbene fosse ricercato, da nove anni, solo per il lotto clandestino, sapevamo che era diventato il capo della camorra vesuviana. Dopo aver vinto, con la Nuova Famiglia, la guerra contro…


Leggi tutto l’articolo Angelosanto ricorda le «bacheche con nomi e foto dei latitanti di ‘ndrangheta»
www.corrieredellacalabria.it è stato pubblicato il 2023-10-30 14:26:48 da Redazione Corriere

Potrebbe piacerti anche

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More