Consiglio regionale d’Abruzzo, dalla Comunità alle Unioni Montane: approvata la legge

0


Passa in Consiglio regionale la legge di riordino istituzionale dei territori montani, che porterà al superamento delle Comunità Montane. Tutti i lavori della seduta.

A inizio della seduta il Consiglio regionale ha osservato un minuto di silenzio in memoria del presidente emerito della Repubblica Giorgio Napolitano. Successivamente, sono stati discussi i seguenti documenti politici: interpellanza a firma del consigliere Pietrucci recante “Criticità emerse ed azioni di contrasto Rems di Barete”; interpellanza a firma del consigliere Stella recante “Chiarimenti in merito alla soppressione di cani all’interno del Canile sanitario di Città Sant’Angelo”; interpellanza a firma del consigliere Blasioli recante “Canile Sanitario di Città Sant’Angelo”; interpellanza a firma del consigliere Paolucci recante “Rete di emergenza urgenza nelle aree interne della provincia di Chieti”. L’Assemblea legislativa ha poi proceduto alla convalida della consigliera Federica Rompicapo. La seduta del Consiglio regionale è stata poi sospesa per permettere alla Conferenza dei Capigruppo e all’assessore regionale Verì di incontrare una delegazione degli Oss precari della Asl di Chieti. Alla ripresa dei lavori, è stata rinviata la discussione sulla proposta di istituzione di una Commissione speciale sul fenomeno della denatalità in Abruzzo, per studiare il fenomeno su tutto il territorio regionale. Voto favorevole alla proroga, fino alla fine della legislatura, della durata della Commissione speciale per l’attuazione e le modifiche allo Statuto, richiesta dal presidente Umberto D’Annuntiis.

Il Consiglio regionale, con il voto favorevole della maggioranza, ha approvato il progetto di legge “Norme in materia di superamento delle Comunità Montane e disciplina dell’esercizio associato delle funzioni nei Comuni Montani”. Si tratta di un intervento di riordino istituzionale dei territori montani e delle aree interne con un approccio normativo che disciplini il superamento delle ex Comunità montane e contempli lo svolgimento dell’esercizio associato di funzioni nei Comuni montani. L’obiettivo è porre termine alla gestione commissariale delle ex Comunità montane e insediare organi di governo pienamente legittimati e rappresentativi del territorio, dare corpo all’esigenza di mantenere e non disperdere il legame associativo tra i comuni, succedere all’esperienza, ormai esaurita, delle comunità montane sopperendo all’inadeguatezza organizzativa dei piccoli comuni, in modo da incentivare anche lo svolgimento delle funzioni associate, evitare la frammentazione e la dismissione del patrimonio mobiliare e immobiliare. Il testo delinea la trasformazione di diritto delle ex Comunità montane in Unioni montane con il trasferimento a queste di tutti i rapporti giuridici, attivi e passivi, nonché patrimoniali. I commissari straordinari nella prima fase provvederanno alla convocazione dell’assemblea dei sindaci per l’approvazione dello statuto provvisorio. È prevista la possibilità per gli enti comunali di recedere dall’Unione sia “ad origine”, in seguito alla mancata approvazione dello statuto provvisorio, sia in un momento successivo in corso di vita dell’Unione. Prevista la concessione di un contributo annuo per il finanziamento delle spese correnti, ripartito in base ai seguenti requisiti: estensione del territorio montano; numero delle funzioni comunali esercitate in forma associata; numero dei Comuni dell’Unione montana; gente dell’Unione; indice di spopolamento. Lo stanziamento previsto per l’applicazione delle disposizioni presenti nel testo di legge è pari a 830mila euro per il 2023, 1.330.000 per il 2024 e 2.050.00 per il 2025.

Voto favorevole ai progetti di legge per il riconoscimento di debiti fuori bilancio: in favore del Comune di Trasacco, per l’intervento denominato “Riqualificazione del campo sportivo comunale” (Pagamento saldo per € 52.443,35); in favore del Comune di L’Aquila per l’intervento denominato “riqualificazione del circolo tennis Peppe Verna” (€ 192.960,66); in favore del Comune di Pescara per l’intervento denominato “Realizzazione dello Skate Park nella Città di Pescara” (€ 7.667,58). Approvato un emendamento per il riconoscimento della legittimità del debito fuori bilancio relativo all’accordo bonario della Regione con la società Di Fonzo, a titolo di conguagli a saldo sui contributi per il Trasporto pubblico locale dal 2004 al 2014. L’intervento si è reso necessario per arrivare a una definizione bonaria delle tre vertenze attualmente in essere (€ 1.063.693). Approvato anche un emendamento che prevede una correzione alla legge “Interventi in favore delle famiglie che hanno all’interno del proprio nucleo familiare un componente affetto da patologia oncologica o sottoposto a trapianto” che di fatto elimina la necessità dell’autorizzazione delle Asl per gli accompagnatori dei malati stessi.
Per il provvedimento amministrativo “Piano regionale di coordinamento per il rilascio delle autorizzazioni alla realizzazione dei Templi crematori” richiesto un ulteriore esame da parte della Commissione competente; infine, voto favorevole al provvedimento amministrativo “Approvazione conto consuntivo rendiconto generale esercizio finanziario 2022 dell’Agenzia regionale di Protezione Civile”.



Source link

Potrebbe piacerti anche

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More