Don Ciotti, non dimenticare cosa significano mafie e corruzione – Notizie

0

[ad_1]

“Dobbiamo impegnarci
perché tutti siano liberi e possano vivere nelle condizioni
dignitose. Ma milioni di esseri umani muoiono di fame, di sete,
per malattie facilmente curabili in Occidente perché non hanno i
farmaci, né accesso ad essi. Non possiamo dimenticare le ragazze
rese schiave, i morti della droga, dell’usura e delle
dittature”. Lo ha detto il presidente e inventore di Libera, don
Luigi Ciotti nella messa all’aperto celebrata a Portici (Napoli)
con fedeli, scout, rappresentanti del volontariato e
dell’associazionismo antiracket.

   
“Vi sono persone che sono in una condizione di estrema fragilità
senza lavoro o alla ricerca disperata di lavoro. Non possiamo
dimenticare cosa significano le mafie e la corruzione, la
violenza e la camorra” ha aggiunto nell’omelia “Anche se a volte
ci sentiamo piccoli e fragili, impotenti, non dobbiamo
scoraggiarci: dobbiamo unire di più le nostre forze per
diventare una forza etica, sociale, culturale, educativa e
politica nel senso del servizio per il bene di tutti. Dobbiamo
unire queste nostre forze. Non possiamo essere spettatori di
quello che sta avvenendo”.

   
Poi ha sottolineato: “Ognuno di noi è chiamato a fare la sua
parte che comincia con un’ attenzione alle persone più deboli e
più fragili sui nostri territori, nelle nostre case e
parrocchie. Si comincia dagli anziani, dalle persone malate, dai
più piccoli e da quelli che vivono condizioni di estrema
fragilità che vengono messi ai margini”. (ANSA)

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

[ad_2]
L’articolo Don Ciotti, non dimenticare cosa significano mafie e corruzione – Notizie
www.ansa.it è stato pubblicato il 2023-10-22 14:05:04 da

Potrebbe piacerti anche
Lascia una risposta

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More