Droga stipata in un casolare di campagna: fermati padre e figlio

0

[ad_1]

CATANIA – Nascosti in un casolare di campagna, c’erano 4 chilogrammi e mezzo di marijuana. I carabinieri della Compagnia di Paternò, supportati dai militari dello Squadrone Eliportato Cacciatori di “Sicilia”, hanno arrestato in flagranza del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti un 51enne del posto, gravato da numerosi precedenti penali, tra cui associazione a delinquere di tipo mafioso, in quanto legato al clan “Assinnata” di Paternò, articolazione della famiglia Santapaola Ercolano di Catania, e il figlio ventiquattrenne con precedenti di polizia per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio in concorso.

L’indagine

I militari hanno controllato, come detto, un casolare disabitato sito in Contrada Iaconianni, agro del Comune di Paternò, che da quanto emerso dalle indagini, si presumeva potesse nascondere della droga. 

Hanno quindi iniziato un servizio di osservazione a distanza, con l’ausilio del personale specializzato dei Cacciatori di Sicilia, i quali hanno scorto, poco dopo, giungere nel casolare un uomo e una donna (successivamente identificati quali marito e moglie) a bordo di un veicolo. A quel punto, gli operanti hanno deciso di intervenire per controllarli. Mentre l’uomo è sceso dal veicolo e si è avvicinato al casolare, la donna che intanto era rimasta in macchina, ha iniziato a suonare il clacson all’impazzata, in modo da avvisare il marito dell’arrivo degli equipaggi, ma il suo tentativo è stato inutile, visto l’intervento tempestivo dei Carabinieri che gli hanno dato giusto il tempo di aprire la porta per poi bloccarlo. 

Stipati in una camera vuota, i carabinieri hanno rinvenuto alcuni bidoni dove erano occultati dieci involucri termosaldati contenenti marijuana per circa 4,5 chili. 

Fermati padre e figlio

La perquisizione è stata inoltre estesa alla macchina utilizzata per arrivare sul posto, al cui interno i carabinieri hanno rinvenuto materiale per il confezionamento, risultato compatibile con l’imballaggio degli involucri contenti marijuana. Intanto sul posto, nel corso della perquisizione è sopraggiunto il figlio 24enne del pregiudicato.

A quel punto, il cinquantunenne, che era sottoposto alla misura della detenzione domiciliare per pregresse condanne, con permesso di assentarsi in determinati orari, ha dichiarato ai militari che lo stupefacente rinvenuto in realtà fosse del figlio, il quale confermava quanto detto dal padre e si assumeva la paternità della droga. Le sue dichiarazioni però non gli hanno permesso di evitare l’arresto : il padre è stato tradotto in carcere presso la casa circondariale di Catania Bicocca, nonchè la misura degli arresti domiciliari per il figlio.

[ad_2]
L’articolo Droga stipata in un casolare di campagna: fermati padre e figlio
livesicilia.it è stato pubblicato il 2023-10-22 12:00:40 da Redazione CT

Potrebbe piacerti anche
Lascia una risposta

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More