Giovane subsahariana partorisce nel Cas di Agrigento

0

[ad_1]

AGRIGENTO – Una migrante ventenne ha partorito nel Cas “abitazione dei gabbiani” di contrada Ciavolotta ad Agrigento. Ad aiutarla, per mettere al mondo un maschietto, il medico in servizio nella struttura: Salvatore Natalello. Sia la giovane che il neonato sono stati portati, con ambulanza del 118, al pronto soccorso dell’ospedale San Giovanni di Dio.

Grande festa nella struttura, gestita per conto della Prefettura dalla cooperativa sanitaria “Il Delfino”, che ha sede a Raffadali, di cui è rappresentante legale Giovanni Catuara. Un Cas che, al momento, ospita una sessantina di migranti e dove la puerpera, assieme al suo piccino, tornerà subito dopo le dimissioni dall’ospedale.

“Il miracolo della vita non si era mai concretizzato fra le nostre mura”

“E’ capitato tante volte, nel corso di questi anni, che delle giovani ospiti incinta della struttura, all’improvviso, iniziassero ad avere le contrazioni. In maniera fulminea, anche in questi casi, viene chiamato il 118 che trasferisce le partorienti in ospedale. Questa mattina non c’è stato tempo e il piccolo è nato all’interno della nostra struttura di contrada Ciavolotta”, racconta con emozione Giovanni Catuarai.

“E’ una grande gioia quella che abbiamo vissuto stamani – aggiunge – perché il miracolo della vita non si era mai concretizzato fra le nostre mura. Abbiamo sempre affrontato emergenze di diverso tipo, ma mai una cosa del genere. Sia la mamma che il piccino stanno bene, sono in ospedale e non dovrebbero esserci problemi”.

Il medico: “Esperienza unica, c’è stata la mano di Dio”

“Non c’è stato tempo, ha rotto le acque e in circa 10 minuti ha messo al mondo il bambino. C’è stata la mano di Dio e tutto è andato bene”. Lo racconta Salvatore Natalello, 64 anni, medico di Medicina generale, conosciuto ad Agrigento anche per il servizio svolto in guardia medica, che questa mattina ha fatto nascere il piccino.

“Stamattina ho controllato le due donne incinte presenti nella struttura. Una aveva lievissime contrazioni, la ventenne invece stava benissimo, nulla lasciava presagire quello che sarebbe accaduto da lì a poco. La ragazza ha, all’improvviso, rotto le acque e subito abbiamo chiamato il 118. Ho controllato, ho visto la testa del piccino e nonostante fosse una primipara – ha spiegato il medico Salvatore Natalello – in maniera fulminea il piccolo è venuto al mondo. Accanto a me anche due donne, un’altra subsahariana e una tunisina, che avevano portato gli asciugamani”.

“Abbiamo avuto in struttura anche donne violentate che hanno reagito diversamente dopo il parto in ospedale. In questo caso era una gravidanza voluta perché la giovane era tanto in apprensione, preoccupata, per le sorti del neonato che ha pianto non appena venuto al mondo ed ha continuato a farlo anche quando, 10 minuti dopo, lo abbiamo messo sull’ambulanza del 118”. Natalello, nonostante 35 anni di esperienza, non aveva mai fatto nascere un bambino ed ha vissuto una forte esperienza umana, oltre che professionale.

“Le ho tenuto e stretto la mano e l’ho rincuorata ripetutamente – ha aggiunto il medico – . Ho messo professionalità, ma anche tanto cuore per fare in modo che tutto andasse bene”.

All’interno della struttura di contrada Ciavolotta non c’è il papà del piccino, la ventenne è giunta, pochi giorni addietro, da sola, senza familiari, dopo che era sbarcata a Lampedusa ed è stata trasferita ad Agrigento.

[ad_2]
L’articolo Giovane subsahariana partorisce nel Cas di Agrigento
livesicilia.it è stato pubblicato il 2023-08-02 15:13:22 da Redazione

Potrebbe piacerti anche
Lascia una risposta

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More