Il blackout di Palermo, Confcommercio: “Le aziende vanno risarcite”

0

[ad_1]

La Presidente Di Dio: “Ci sono precise responsabilità che non possono essere nascoste dietro il comodo alibi delle temperature eccezionali”

PALERMO – La denuncia è della Presidente di Confcommercio Palermo, Patrizia Di Dio: “Dietro i blackout dei giorni scorsi ci sono precise responsabilità che non possono essere nascoste dietro il comodo alibi delle temperature eccezionali. I gravissimi danni economici subiti dalle imprese del commercio, del turismo e dei servizi, che a Palermo ammontano a svariati milioni di euro ma che hanno riguardato tutto il territorio siciliano, potevano e dovevano essere evitati. Ancora una volta siamo stati penalizzati da arretratezza e sottosviluppo infrastrutturale, come confermano le statistiche che vedono la nostra regione al primo posto per numero di interruzioni di energia e tempi di sospensione del servizio”.

Diffida a E-distribuzione

Patrizia Di Dio parla di “grave inefficienza nel servizio di distribuzione ed erogazione di energia elettrica” e annuncia “di avere dato mandato allo studio Palmigiano e associati di intraprendere, in nome e per conto delle categorie rappresentate, tutte le azioni che si rendessero necessarie per il risarcimento alle imprese dei danni subiti”.

E’ già stata inviata una diffida alla presidente di E-distribuzione Francesca Romana Napolitano e all’a.d. Vincenzo Raineri, ai vertici dell’Arera, e per conoscenza al governo regionale e al sindaco di Palermo nella quale si sottolinea “come la prolungata interruzione nell’erogazione di energia elettrica, oltre a creare effetti a catena come la mancanza d’acqua, abbia provocato in molti casi la paralisi dell’attività aziendale con il pagamento a vuoto del personale, il danneggiamento agli impianti e alle apparecchiature elettroniche, talvolta anche con conseguente perdita di dati, e abbia costretto le aziende alimentari alla distruzione di un ingente quantitativo di merce andata a male”.

“Risarcire le aziende per i danni subiti”

“Gli sbalzi di tensione, le gravi e continue interruzioni dell’utenza – è scritto nella diffida – nonché la mancanza di preavviso configurano un grave inadempimento agli obblighi contrattuali di fornitura assunti nei confronti degli utenti finali e di gestione della rete”.

Da qui la richiesta di risarcire le aziende per i danni subiti e le spese sostenute in conseguenza dell’interruzione. Ma non solo. Si chiede di far luce sulle inadempienze e sulla mancata realizzazione degli investimenti programmati e di conoscere quali sono gli impegni reali indispensabili per l’adeguamento della rete elettrica.

[ad_2]
L’articolo Il blackout di Palermo, Confcommercio: “Le aziende vanno risarcite”
livesicilia.it è stato pubblicato il 2023-07-30 15:00:40 da Redazione

Potrebbe piacerti anche
Lascia una risposta

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More