Il rigore da “Mai dire gol” ha spianato la strada all’Ascoli

0


SERIE B – Dopo aver girato alla “Gialappa’s Band” il penalty annullato e dopo la “macedonia” di Nestorovski, la squadra di Viali chiude il conto con Quaranta e sfiora due volte il tris

 

di Lino Manni

 

“Mai dire gol” a Lecco. E sì, perché l’episodio del rigore sarebbe stato un classico per la trasmissione televisiva della “Gialappa’s Band”. Eppure sul dischetto del rigore si è presentato Di Stefano, calciatore dal cognome altisonante, a dir poco illustre. Ma non era certo l’Alfredo Di Stefano del Real Madrid degli anni Sessanta soprannominato “Saeta Rubia” capace di vincere otto titoli con la “camiseta blanca” e cinque Coppe dei Campioni. Perchè quello del “Rigamonti-Ceppi”, e non del “Santiago Bernabeu” di Madrid, era Lorenzo Di Stefano, giovane di belle promesse che inciampa sul pallone, lo tocca due volte e segna.

 

Il portiere Viviano esulta subito, l’arbitro annulla, l’Ascoli porta a casa il quinto risultato consecutivo. Episodio determinante. Ho visto un Ascoli battagliero, a volte confusionario ma comunque sempre determinato. Ha rischiato qualcosa in difesa ma Viviano ci ha messo un paio di “pezze” delle sue. Poi, cacchio che tiro… Di Tacchio. Al Lecco è stata servita prima una “macedonia” con Nestorovski, poi l’Ascoli ha approfittato del bonus (il rigore annullato) per chiudere il conto con Quaranta. Il Picchio è andato anche due volte vicino al tris con il calcio piazzato da venticinque metri di Falasco e con Rodriguez che si è si è divorato lo 0-3. Va bene lo stesso. Ed ora sotto con il Parma.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Leggi tutto l’articolo Il rigore da “Mai dire gol” ha spianato la strada all’Ascoli
www.cronachepicene.it è stato pubblicato il 2023-10-22 12:51:14 da Andrea Ferretti

Potrebbe piacerti anche

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More