Ipotesi Cpr ad Albenga, il PD ingauno attacca: “Scelta del governo, Meloni in Liguria ha trovato terreno fertile grazie a Toti”

0


Albenga. “L’enorme contraddizione in cui vivono i partiti di destra, sia a livello nazionale che a livello locale, sta trovando ulteriore conferma nella vicenda dell’ipotesi CPR ad Albenga. Chiariamo alcuni punti: i CPR li vuole fortemente il governo di destra di FdI targato Meloni che vuole imporli ai territori senza alcuna discussione con gli enti locali. In Liguria FdI ha trovato terreno fertile nel governatore Toti il quale non si fa alcuno scrupolo a bistrattare i territori sia nel campo sanità che nel sociale”. Lo fa sapere, in una nota, il Partito Democratico di Albenga.

Spiegano i Dem ingauni: “La destra in Regione è connivente con queste scelte e non pare minimamente intenzionata a fare alcunché per impedirle. I consiglieri di destra in maggioranza in regione non sembrano intenzionati ad impedire l’arrivo del CPR in Liguria. Sono tutti d’accordo con Toti, Piantedosi e Meloni. In particolare non ci pare che Stefano Mai, capogruppo della Lega in consiglio regionale con velleità di diventare sindaco di Albenga e di ergersi a difensore del nostro territorio, stia muovendo un dito per impedire l’arrivo del CPR. Forse perché Mai non conta poi granché nella sua maggioranza, ma più probabilmente perché anche lui vuole il CPR ad Albenga, richiesto dalla destra al governo e dai suoi colleghi in consiglio regionale”.

“Ed anche i politici locali di destra di Albenga – aggiungono -, sostenitori del governo nazionale e regionale, non si azzardino nemmeno a nascondersi dalle proprie responsabilità. Sono il loro partiti che dettano loro gli ordini di scuderia e che vogliono calare i CPR sui territori. E’ la destra capitanata da FdI che cerca di distruggere la tenuta sociale dei territori, ad Albenga come in molti altri comuni. Roberto Tomatis come prima cosa dovrebbe strappare la tessera di FdI e dovrebbe rivolgere le sue proteste al governo Meloni da lui sostenuto. Altrimenti la sua è solo una distorsione populista della realtà. Dobbiamo sempre ricordarci che i CPR sono prigioni di fatto nelle quali non si capisce come possano essere garantiti i diritti dell’uomo, la cui funzionalità reale è tutta da capire e sulla cui sicurezza vertono grandi dubbi”,

Di conseguenza, secondo il PD albenganese “no ai CPR innanzitutto perché è sbagliato ed inumano costruirli, no ai CPR perché sono prigioni per persone che non vengono processate, no al CPR perché è un incubatore di disagio sociale dentro e fuori le sue mura, no al CPR perché danneggerebbe gravemente la tenuta sociale della nostra città, no al CPR perché ennesima dimostrazione della incapacità nella gestione politica delle questioni del nostro tempo da parte del governo Meloni, no al CPR perché sarebbe l’ennesima deturpazione del territorio perpetrata con la connivenza del governo regionale di Toti“.





Source link

Potrebbe piacerti anche

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More