La Samb sceglie Marco Alessandrini, a dicembre al “Riviera” disse: …

0


SERIE D – Vanta oltre 500 panchine tra i professionisti, ha vinto un campionato di Serie D con la Vis Pesaro e ha conquistato una Coppa Italia di C con lo Spezia.

Marco Alessandrini

 

di Pier Paolo Flammini

 

Alla fine la Samb ha deciso: il nuovo allenatore è Marco Alessandrini: vanta oltre 500 panchine tra i professionisti corredate dalla vittoria di un campionato di Serie D conquistato con la Vis Pesaro, un campionato di C2 vinto con la Fermana e di una Coppa Italia di Serie C conquistata con i liguri dello Spezia.

 

Alessandrini, classe 1954, è uno dei nomi di maggior esperienza spendibili in questo momento e di grande conoscenza di questo girone di Serie D. Nato a Cuneo ma vissuto a Senigallia. ha svolto la sua lunga carriera di allenatore quasi tutta nelle Marche con qualche squadra allenata anche tra Umbria e Abruzzo, una piccola parentesi al Gubbio in B come vice di Luigi Simoni (che sostituì ma solo per 2 incontri), un anno al Sudtirol in C e due anni in C a La Spezia. Anche se la sua ultima esperienza era stata a Pistoia nel 2022, in Serie C, chiamato a fine campionato dal direttore sportivo cuprense Gianni Rosati: ma nonostante una grande rimonta che sembrava impossibile non è riuscito a salvare la formazione toscana agli spareggi.

 

Allenatore dal carattere molto affabile, nel corso degli ultimi 20 anni ha affrontato molte volte la Samb da avversario allenando Vigor Senigallia, Fano (in C), ma anche Gubbio e Sudtirol. Nella sua lunga carriera ha allenato anche Giulianova, Nocerina, Maceratese, Rimini, Ancona. Quest’anno ha visto Samb-Vigor Senigallia, prima di Natale.

 

La decisione su Alessandrini è arrivata dopo una giornata convulsa, a seguito della scelta di Massi, nella tarda serata di domenica, di esonerare Lauro e al periodo un po’ particolare (fine stagione) con molti allenatori anche liberi però ancora sotto contratto: è stato il caso di Augusto Gentilini (nessun contatto con la Samb), di Tiziano De Patre (osservatore per il Sassuolo, posizione che non vuole lasciare, era a San Benedetto domenica scorsa in questo ruolo).

 

Alla fine ha prevalso il profilo più esperto, che avrà il compito di affidarsi al nucleo di calciatori più esperti e costruire insieme a loro il tentativo di recuperare il lanciatissimo Campobasso, distante 4 punti a 9 giornate dalla conclusione. Tutto possibile ma con molte incognite ma anche tante possibilità, come abbiamo scritto nel precedente articolo in attesa del nuovo nome.

 

Il 20 dicembre, durante Samb-Vigor Senigallia terminata 1-3, fu intervistato da Vera Tv per la trasmissione Ritmo di Samb durante l’intervallo: «Una partita che si era messa bene per la Samb, poi la Vigor ha pareggiato e si sono complicate le cose. C’è stato anche un infortunio a Cardoni e ha cambiato modulo, però è una squadra che sta costruendo tanto ma è altrettanto vero che sta concedendo troppo poi la partita si può complicare, ma è una partita aperta», disse, e fu buon profeta perché nel finale la Samb affondò (1-3), dopo aver preso altre due traverse, e con alcune decisioni arbitrali.

 

«Io ho il cuore diviso, essendo di Senigallia, ma vedere una partita così in un ambiente così è uno spettacolo, c’è una tifoseria che merita altre platee. Oggi è mercoledì pomeriggio, è vero, e considerando questo, e in inverno, avere un pubblico così non è per tutti sono convinto che quest’anno al di là della partita di questa sera la Samb possa raggiungere l’obiettivo che è prefissato. Glielo auguro»: augurio che, chi poteva prevederlo, Alessandrini ha rivolto a se stesso a distanza di due mesi e mezzo. Anche se, prima di tutto, c’è da affrontare la partita di domenica a Termoli.

 

Il nostro articolo sulla situazione della squadra scritto nel pomeriggio:

Samb, ancora nessun nome per la panchina: ma cosa è successo da Avezzano in poi?

 

 

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


Leggi tutto l’articolo La Samb sceglie Marco Alessandrini, a dicembre al “Riviera” disse: …
www.cronachepicene.it è stato pubblicato il 2024-03-04 22:08:24 da Pier Paolo Flammini

Potrebbe piacerti anche

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More