Messina, l'insegnante morta per trombosi dopo il vaccino Astra…

0



I familiari della docente Augusta Turiaco, morta a seguito di una trombosi poco meno di due anni fa, chiedono alla Procura della Repubblica la riapertura delle indagini contro AstraZeneca per l’ipotesi di omicidio colposo.

A seguito di alcuni fatti emersi dalla trasmissione televisiva “Report” dell’11 febbraio 2024, i familiari delle vittime hanno avviato nuove iniziative e chiedono alla Procura di Messina la riapertura delle indagini e l’accertamento della verità con la risposta a interrogativi rimasti privi di accertamenti rispetto ad un vaccino ritirato dalla somministrazione che avrebbe causato la morte di giovani donne e uomini.

Tra i tanti interrogativi: La documentazione scientifica relativa agli studi sugli adenovirus è stata utilizzata al fine della sperimentazione del vaccino Astrazeneca? Il rischio di trombosi ben individuato negli studi scientifici doveva essere citato all’interno del foglio illustrativo e del modulo del consenso informato della prof. Turiaco? Se gli effetti avversi erano ben noti alla comunità scientifica, perché questo vaccino è stato approvato?…

La famiglia Turiaco, quindi, non si ferma e chiede verità. “Allo stato attuale – spiega Daniela Agnello, l’avvocato che li assiste – permangono le diverse ombre e gli inquietanti dubbi e si auspica che questa volta il Coordinamento delle Procure italiane ed europee, dopo aver acquisito il nesso di causalità tra la somministrazione del vaccino AstraZeneca e i decessi, voglia indagare e accertare i fatti, approfondire e fare chiarezza anche in nome delle tante vittime del vaccino AstraZeneca”.


Leggi tutto l’articolo Messina, l'insegnante morta per trombosi dopo il vaccino Astra…
gazzettadelsud.it è stato pubblicato il 2024-03-02 10:18:50 da

Potrebbe piacerti anche

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More