Quanto emerso finora dagli esami conferma l’ipotesi di ischemie

0

[ad_1]

“Quanto emerso finora dagli esami autoptici consolida le nostre tesi, ovvero che Purgatori sarebbe stato colpito da ischemie cerebrali”. È quanto riferiscono i legali della famiglia del giornalista Andrea Purgatori alla luce dell’autopsia effettuata sul corpo del giornalista al Dipartimento di Medicina Legale di Tor Vergata. 

L’esame autoptico, effettuato dal Professor Luigi Marsella dell’Università di Tor Vergata, con il suo pool, e i prelievi compiuti per gli esami anatomopatologici che verranno condotti con i campioni di tessuto raccolti con la biopsia, non avrebbero evidenziato per il momento infezioni polmonari, ma l’esito potrà essere confermato solo quando arriveranno i risultati dai laboratori.

A questo proposito, l’avvocato Alessandro Gentiloni Silveri, uno dei legali della famiglia Purgatori, precisa che “rispetto a quanto riportato, i legali della famiglia Purgatori fanno presente che solamente dopo il termine delle operazioni autoptiche sarà possibile confermare o smentire ogni ipotesi investigativa, comprese le ischemie”. 

Prosegue, quindi, l’iter avviato dall’esposto presentato dai familiari di Andrea Purgatori alla Procura della Repubblica, che ha portato a due medici indagati per omicidio colposo. Nell’esposto si chiede di fare luce sulla morte di Purgatori, il 19 luglio scorso, per una sospetta reazione ad una radioterapia somministrata sulla base di un’ipotizzata falsa diagnosi di ischemie cerebrali, scambiate per metastasi tumorali. Nella relazione medico legale finale, i consulenti dovranno anche rispondere al quesito formulato dai magistrati sul decorso medico della malattia di cui Purgatori era affetto.

Tutto viene dunque rimandato al 6 settembre prossimo, quando saranno disponibili i risultati dai laboratori di analisi e quando saranno ultimate nuove perizie, ulteriore step degli accertamenti già avviati.

[ad_2]
L’articolo “Quanto emerso finora dagli esami conferma l’ipotesi di ischemie”
www.rainews.it è stato pubblicato il 2023-07-31 18:23:00 da

Potrebbe piacerti anche
Lascia una risposta

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More