Sanremo: donna salvata in extremis dagli operatori del reparto di chirurgia del Borea. Il racconto della figlia

0



“Finalmente oggi mamma che, io chiamo la ‘miracolata’, è stata dimessa dall’ospedale ed è tornata a dimora ed ora inizia il periodo di convalescenza assistita.
Guardando mamma nel letto mi rendo conto dei passi da gigante fatti dalla medicina che, attraverso l’operato di grandi chirurghi, riesce a gestire le complesse problematiche del nostro corpo umano in modo ottimale.
Al tempo stesso, purtroppo, il mio pensiero corre al primo accesso al pronto soccorso dove, un medico poco scrupoloso, decise di dimettere mamma sottovalutando il suo grave problema fino al punto di metterne in pericolo la vita.
Penso, soprattutto, alle tante persone anziane sole: se non ci fossi stata io ad insistere con un successivo accesso al pronto soccorso oggi di mamma resterebbe solo un triste ricordo.
A mio modesto parere, al pronto soccorso dovrebbero esserci le eccellenze della sanità proprio per scongiurare questi tristi e troppo spesso, nefasti, episodi.
Sperando in una sanità più attenta e scrupolosa concludo questa mia riflessione.

Antonella Cabrini”.





Source link

Potrebbe piacerti anche

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More