«Sbaglia, ha avuto la fortuna di togliere la figlia da un contesto criminale»

0


COSENZA Se «il pentimento è la zattera che resta dopo il naufragio» il percorso di Mattia Pulicanò, “battezzato” nel 2008 da Francesco Patitucci, dimostra come la “soluzione di fortuna” può consentire di varcare il grande abisso. Mattia Pulicanò – che nella sua precedente vita, da affiliato nella cosca Lanzino-Ruà-Patitucci – si occupava della compravendita illegale di sostanze stupefacenti – ha scelto di cambiare rotta molti anni fa, quando arrestato e condannato, decideva di collaborare con gli inquirenti, approfondendo i contorni del contesto criminale cosentino.
Nel programma di protezione Pulicanò recupera una dimensione di “normalità”, trova un lavoro, apre un’attività e si affranca definitivamente dalla condizione di suddito della ‘ndrangheta.

Collaborare? «Restituisce una…


Leggi tutto l’articolo «Sbaglia, ha avuto la fortuna di togliere la figlia da un contesto criminale»
www.corrieredellacalabria.it è stato pubblicato il 2024-03-04 18:12:26 da Redazione Corriere

Potrebbe piacerti anche

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More