Uccisa e bruciata, il legale del condannato: “Merita una possibilità”

0


PALERMO – È stata oggi la volta della difesa nel processo d’appello che si sta celebrando davanti ai giudici della seconda sezione della corte d’assise di secondo grado di Palermo sulla morte di Roberta Siragusa, la giovane di 17 anni di Caccamo, il cui corpo carbonizzato è stato trovato in un burrone la notte tra il 23 e il 24 gennaio del 2021.

Roberta Siragusa, la tesi difensiva

L’avvocato Gaetano Giunta, che difende Pietro Morreale l’ex fidanzato della ragazza condannato in primo grado all’ergastolo, ha cercato di smontare le accuse rivolte al suo assistito. “È stato solo un terribile incidente – ha ricostruito l’avvocato in aula – La giovane per cercare di spaventare l’ex fidanzato che aveva scoperto che scambiava messaggi con un altro ragazzo e voleva lasciarla, per farlo tornare sui suoi passi, si sarebbe cosparsa di benzina e per un tragico incidente avrebbe provocato il rogo che l’ha uccisa”. Spiega così il legale della difesa quanto successo quella tragica notte nei pressi del campo sportivo di Caccamo dove i carabinieri trovarono tracce del rogo. Contestata anche la tesi della miccia da cui sarebbe partito il rogo.

Il rogo e l’innesco

“La miccia sarebbe stata un’ipotesi emersa dalle indagini dei carabinieri – aggiunge Giunta – Nessuno guardando il video può asserire con certezza che ci sia stata una miccia che avrebbe innescato fuoco”. Ci sarebbe anche una spiegazione del perché Pietro Morreale avrebbe gettato nel dirupo il corpo di Roberta Siragusa. “È stato per esaudire il desiderio che aveva espresso la ragazza in quanto quel luogo aveva un valore speciale per la loro relazione. Qui i due giovani avrebbero trascorso momenti di intimità – aggiunge il legale – È stato un gesto istintivo senza pensare alle conseguenze che questo avrebbe potuto provocare. Se il mio assistito avesse chiamato i soccorsi non ci sarebbe stato nulla di tutto questo“. Il legale nel corso dell’arringa difensiva ha più volte ribadito che non si può dare l’ergastolo ad un giovane di 21 anni e che bisogna dargli una seconda possibilità.


L’articolo Uccisa e bruciata, il legale del condannato: “Merita una possibilità”
livesicilia.it è stato pubblicato il 2023-11-16 16:30:09 da Redazione

Potrebbe piacerti anche

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More