(video) Blitz Acquabona, indagine partita dopo l’aggressione degli …

0


CROTONE – Il provvedimento restrittivo nei confronti delle 12 persone coinvolte nell’operazione condotta questa mattina dalla Polizia nel quartiere Acquabona con l’accusa di spaccio di droga è stato adottato al termine di un’articolata indagine svolta dai poliziotti della Squadra Mobile di Crotone, avviata nel febbraio del 2023, sulla base degli esiti investigativi emersi in altro procedimento penale, relativo ad un fatto di lesioni personali aggravate dall’uso di arma, commesso in concorso da alcuni degli indagati, in danno di due assuntori, per questioni legate all’attività di spaccio.

I destinatari delle ordinanze di custodia cautelare  in carcere sono: Donato Bevilacqua (31 anni), Armando Manetta (34 anni), Nicola Manetta (42 anni), Domenico Passalacqua (28 anni), Franco Passalacqua (19 anni); agli arresti domiciliari è stata posta Romina Bevilacqua (31 anni), mentre il divieto di dimora in Calabria riguarda: Cosimo Bevilacqua (21 anni), Domenico Bevilacqua (55 anni), Leonardo Bevilacqua (40 anni), Maurizio Manetta (47 anni); Obbligo di firma per Francesco Passalacqua (43 anni), Matteo Pio Passalacqua (21 anni).

Le acquisizioni probatorie, raccolte dalle attività tecniche di intercettazioni telefoniche ed ambientali, dalle immagini registrate dai sistemi di videosorveglianza, dai numerosi riscontri effettuati dagli investigatori mediante sequestri dello stupefacente ceduto, dalle dichiarazioni rese dagli acquirenti, consolidavano l’ipotesi dell’esistenza di una vera e propria “piazza di spaccio” esistente nel quartiere Acquabona, piazza gestita da soggetti ivi residenti che si muovevano in autonomia, agendo in rare occasioni in concorso tra loro.

La prosecuzione delle indagini ha evidenziato la presenza di un gran numero di avventori che, quotidianamente, in ogni ora del giorno e della notte, si recavano nel quartiere per approvvigionarsi di sostanza stupefacente, trovandone, di volta in volta, la disponibilità in diversi soggetti pronti a soddisfare la loro domanda; le cessioni avvenivano con modalità differenti, arrivando persino a consentire il consumo della sostanza all’interno delle abitazioni degli indagati, per eludere i controlli delle forze di polizia.

È stato documentato inoltre che gran parte dell’attività di cessione di stupefacente veniva effettuata nell’area che circonda l’edificio abbandonato della ex scuola Gravina nonché a pochi metri da altri tre Istituti scolastici attivi nella zona; per questo, ad alcuni degli indagati, è stata contestata anche l’aggravante p.p. dall’art. 80 D.P.R. 309/90.

Infine, a due degli indagati, è stato contestato anche il reato di detenzione e porto di arma clandestina, occultata in un cassonetto dell’immondizia e rinvenuta e sequestrata dalla polizia nel corso di un mirato servizio di controllo del territorio; tale modus operandi veniva, tra l’altro, utilizzato anche per occultare sostanza stupefacente, celata oltreché in bidoni della spazzatura, in sottotetti di abitazioni o in accumuli di materiali posizionati tra le abitazioni degli indagati.




Leggi tutto l’articolo (video) Blitz Acquabona, indagine partita dopo l’aggressione degli …
www.ilcrotonese.it è stato pubblicato il 2023-11-16 10:01:00 da

Potrebbe piacerti anche

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More