di Bianca Michelangeli

Dopo le proteste dei pendolari per i tanti disagi la presidente dell’azienda ricorda che «il cantiere per riqualificare la tratta terminerà nell’autunno 2023»

Continua a far parlare di sé la Roma-Lido, finita nell’occhio del ciclone per l’ennesimo disservizio che mercoledì ha lasciato a piedi centinaia di passeggeri. Ad intervenire, questa volta, sono i vertici di Cotral, l’azienda regionale che dal 1 luglio scorso gestisce la ferrovia insieme ad Astral. «Sono disponibile ad incontri in ogni sede richiesta – ha detto la presidente Amalia Colaceci ai pendolari dopo le proteste degli scorsi giorni – perché sarebbero occasione di raccontare, ancora una volta, l’imponente lavoro di riqualificazione della linea e del servizio della ferrovia Roma-Lido che, pure tra mille difficoltà, abbiamo avviato».

Mercoledì, un guasto alla rete elettrica aveva portato alla chiusura dapprima dell’intera linea e, poi, di una tratta, quella tra Vitinia e Lido Centro. Costretti a riversarsi fuori dalle stazioni, gli utenti non avevano potuto contare neppure sulle navette sostitutive, attivate con considerevole ritardo. Il giorno dopo, le opposizioni del Municipio X avevano deciso di occupare l’aula consiliare per protestare contro lo stato del servizio e di inviare un esluogo al Prefetto. Alla manifestazione era seguito l’annuncio, da parte dell’assessore capitolino alla Mobilità Eugenio Patanè, di un accordo fra Cotral e Atac che prevede la messa a disposizione, da parte di quest’ultima, di bus sostitutivi per la Roma-Lido in caso di emergenza.

«Non intendo nascondere i problemi di questo percorso né gli errori – ha precisato Colaceci -, ma non posso esimermi dal precisare alcuni fatti incontestabili. Sono in corso dalla scorsa estate e termineranno nell’autunno del 2023 i lavori per ristrutturare completamente l’infrastruttura: finanziati con 74 milioni di euro dalla Regione, sono lavori che fino ad oggi non erano mai stati realizzati e che non solo metteranno in sicurezza la linea, ma ne garantiranno la piena efficienza». La presidente di Cotral ha anche ricordato che «da giovedì è in servizio il primo treno completamente revisionato, e cioè il primo ad aver effettuato la revisione generale anche delle componenti elettriche e meccaniche. Sono consapevole – ha chiarito – che la strada è ancora lunga e che i disagi non termineranno immediatamente, ma posso garantire l’impegno di Cotral a lavorare per il miglioramento del servizio».

25 novembre 2022 (modifica il 25 novembre 2022 | 21:01)



Leggi tutto

L’articolo «74 milioni di lavori già avviati sulla linea»- Corriere.it è stato scritto il 2022-11-25 20:01:47 da Bianca Michelangeli ed è stato pubblicato su roma.corriere.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *