Montecatini. Dalle minacce per il controllo dei locali alle scommesse cl…

0

[ad_1]

di Ilaria Lumini

MONTECATINI – “Digli a tua madre di vendere il locale altrimenti tu finisci male“. “E’ meglio se andate via“. E ancora false fatture, anche di 70mila euro, debiti costruiti ad arte per estorcere denaro a due imprenditori della Valdinievole al solo scopo per di mani sui loro locali, la Villa Resort di Pieve a Nievole e l’Acqua di Montecatini.

Una intimadazione portata avanti da una organizzazione criminale con a capo un 43enne cittadino cinese, Yunye Hu, arrestato stamani (l’uomo è stato condotto al carcere di Santa Caterina in Brana) insieme ad altre undici persone (otto in carcere e tre ai domiciliari).

Il sostituto procuratore Luisa Serranti, il procuratore capo Tommaso Coletta, il procuratore facente funzione di Prato Laura Canovai, il sostituto procuratore Leonardo De Gaudio

Fine dei giochi, è l’operazione congiunta della Squadra Mobile della Questura di Pistoia e della Guardia di Finanza, Nucleo di Polizia Economico Finanziaria di Pistoia e sezione investigativa della Procura, dove, oltre all’estorsione, è tata scoperta anche una associazione a delinquere finalizzata alle scommesse alle scommesse clandestine e al gioco d’azzardo, a Prato, per oltre 2 milioni di euro.

L’indagine è partita dalla denuncia per tentata estorsione sporta dai due imprenditori a gennaio 2022 al commissariato di Montecatini. i morti, ignare della caratura criminale di Yunye Hu, erano cadute nella rete dell’indagato che, come paravento, gestiva società di catering e con cui avevano stipulato un regolare contratto di ristorazione per i loro locali. L’uomo, con false fatture e avvelendosi di pregiudicati italiani con minacce ed estorsioni, avrebbe così cercato di prendere il controllo dei locali di Montecatini.

Il dirigente della Squadra Mobile Veronica Brustenghi, il Questore di Pistoia Marco Dalpiaz, il Comandante della Guardia di Finanza colonnello Stefano Lampone, il comandante del nucleo polizia economico e finanziaria Giovanni Sardella.

“Una indagine, inoltre, che ha anche portato alla luce centri occulti di scommesse clandestine e giochi d’azzardo, ricorrendo anche alla clonazione di siti di scommesse” ha spiegato in conferenza stampa il Procuratore capo di Pistoia, Tommaso Coletta. Che ha evidenziato come dalla denuncia sporta dai due imprenditori, e dalle successive intercettazioni ambientali, sono partiti quattro filoni distinti di indagini: oltre al controllo dei locali, una indagine su spaccio di droga; una indagini su reati fiscali ed esportazione di denaro in Cina; l’indagine su una associazione a delinquere finalizzata alle scommesse clandestine e al gioco d’azzardo a Prato. Scommesse clandestine, soprattutto on line, con giocatori che puntavano fino 400mila euro al mese.

Quindi il 43enne, dopo aver fissato il proprio centro di interessi a Prato, aveva iniziato ad acquisire imprese, di diversi settori economici, oltre che nel pratese, anche nell’area fiorentina, per poi infiltrarsi, con minacce ed estorsioni, nell’area della Valdinievole.

Grazie alle intercettazioni e alle indagini di Gdf e Polizia, è stato possibile ricostruire il percorso criminale del 43enne. Il sostituto procuratore Luisa Serranti e il sostituto procuratore Leonardo De Gaudio hanno evidenzia come, a partire dal 2017, l’uomo avrebbe così gestito occultamente, senza mai apparire direttamente, sei società, delle quali cinque ancora attive, continuando a frodare il fisco con false fatturazioni incrociate grazie all’aituo di un commercialista pratese. Una sorta di “primula rossa” dedita, da oltre vent’anni, all’acquisizione occulta di attività economiche, che poi gestiva in spregio della normativa fiscale, spesso per interposta persona, spogliandole del loro patrimonio e senza onorare decine di milioni di euro di debiti tributari.

Una indagine partita da Montecatini ma che si addentra poi a Prato e che vedrà poi gli sviluppi della Procura pratese con a capo il procuratore facente funzione della Procura di Prato, Laura Canovai.

I dodici indagati, di nazionalità italiana e cinese, sono indiziati a vario titolo dei reati di Estorsione continuata in concorso, Associazione per Delinquere finalizzata all’esercizio abusivo dell’attività di raccolta di giochi e scommesse, Esercizio abusivo di attività di gioco e scommesse, Falso in atto pubblico, False attestazioni in atti destinati all’A.G., Traffico e Detenzione di sostanze stupefacenti, Sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte e Emissione di fatture per operazioni inesistenti. Il giudice ha disposto nei confronti di alcuni degli indagati il sequestro preventivo finalizzato alla confisca di somme di denaro – o di beni mobili e immobili del valore equivalente – per un valore complessivo di euro 1.184.000 circa. Il sequestro preventivo è stato altresì disposto verso 3 sale giochi e scommesse a Prato, 5 società e un’auto.

[ad_2]
Leggi tutto l’articolo Montecatini. Dalle minacce per il controllo dei locali alle scommesse cl…
www.reportpistoia.com è stato pubblicato il 2024-04-16 19:15:50 da Ilaria Lumini

Potrebbe piacerti anche
Lascia una risposta

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More