Home VC Vercelli Si.Gi.Fer. chiede la cassa integrazione: 80 lavoratori a rischio

Si.Gi.Fer. chiede la cassa integrazione: 80 lavoratori a rischio

3
0


Pesanti ripercussioni dopo la tragedia di Brandizzo

VERCELLI (16.09.2023 – 10.52) – Diventa sempre più delicata la situazione della Si.Gi.Fer., l’azienda di Borgo Vercelli per la quale lavoravano i cinque operai decessi nell’incidente ferroviario di Brandizzo, nella notte tra il 30 e il 31 agosto. Dopo aver ricevuto la sospensione a tempo non definito da parte di RFI, in pratica un benservito, l’azienda vercellese ha deciso di richiedere la cassa integrazione per 13 settimane.

La notizia è stata comunicata dalle sigle sindacali, Fillea Cgil – Feneal Uil – Filca Cisl, che ieri (venerdì 15 settembre) hanno convocato l’assemblea dei lavoratori. Il motivo dell’incontro, fanno sapere, era semplice: quale futuro per i dipendenti della Si.Gi.Fer.?.

“In molti erano presenti, tra paura per il proprio futuro, paura di non aver di che mangiare, tra poco è giorno di paga” – scrivono i Sindacati – “La linea condivisa è stata chiara: chiedere che tutti, compresi appaltatori e subappaltatori, si prendano la responsabilità di garantire un futuro a queste persone dietro cui ci sono 79 famiglie”.

Nel pomeriggio le Organizzazioni Sindacali hanno avuto un incontro con l’azienda. Positiva la conferma del pagamento della retribuzione di agosto, così come quella della richiesta della cassa integrazione per 13 settimane. Rimangono forti preoccupazioni, perché senza anticipazione della cassa integrazione i lavoratori rischiano, nelle prossime settimane, di aggiungere alla sofferenza per la perdita dei propri colleghi, altri problemi.

“Senza una retribuzione non possiamo andare avanti” – ci dicono – “Abbiamo famiglie a cui dobbiamo provvedere”. Proprio per questo, le sigle sindacali, hanno preso l’impegno di mettersi in contatto con le istituzioni, con le committenze e anche con gli istituti, al fine di evitare che si crei un problema sociale per la comunità di questa attività del Vercellese.

“Serve l’impegno di tutti per garantire alla provincia di non disperdere queste professionalità. Da oggi con la sospensione a tempo non definito dei lavori, inviata da RFI, abbiamo 79 persone in meno a garantire la nostra sicurezza sulle linee ferroviarie”, chiude la nota stampa.



Leggi tutto l’articolo Si.Gi.Fer. chiede la cassa integrazione: 80 lavoratori a rischio
www.vercellinotizie.it è stato pubblicato il 2023-09-16 11:05:43 da Andrea Borasio

Previous articleSferracavallo, mare inquinato: protestano i residenti
Next article“Ma…diamoci del tu!” Enrico Brignano al Gran Teatro Morato il 10 e 11 novembre