Auto pirata investe scooter, feriti Fabio Di Ranno sceneggiatore dei Cesaroni e la figlia

0

[ad_1]

Un padre e sua figlia spediti in terra da un pirata della strada. L’ennesimo gesto di inciviltà sulle strade capitoline è accaduto ieri in via Tuscolana, a poche ore di distanza dal drammatico investimento di Grace Duque, la filippina travolta e uccisa mentre attraversava via Prenestina. La vittima, rimasta ferita, è Fabio Di Ranno, musicista e sceneggiatore di numerosi film e serie tv, tra cui i Cesaroni.

L’uomo si trovava insieme alla figlia 18enne a bordo di uno scooter, che è stato urtato da un’automobile, che non si è fermata a prestare soccorso. Di Ranno, conosciuto anche con lo pseudonimo di Biro Fandonia, una volta soccorso dagli altri automobilisti, è stato portato all’ospedale Vannini per una una frattura al polso destro. La figlia, invece, se l’è cavata con qualche graffio. Sul posto sono intervenuti gli agenti della polizia locale per gli accertamenti.

L’uomo a bordo dello scooter procedeva a velocità moderata sulla sinistra, quando la macchina si è avvicinata e ha iniziato a stringerlo. Il motociclista ha suonato più volte il clacson e ha frenato per evitare l’impatto. Ma l’auto ha continuato per la sua traiettoria, scaraventando lo scooter a terra, per poi proseguire la sua corsa senza fermarsi a prestare soccorso. “Cerchiamo testimoni per rintracciare il responsabile”, affermano i familiari di Di Ranno.

L’identikit è quello di un uomo sui 40 anni con capelli e barba brizzolati, senza occhiali e senza cappello. Il musicista e sceneggiatore avrebbe dovuto partecipare, insieme a Morgan e Andy dei Bluvertigo, alla serata in memoria dei Krisma, duo musicale italiano che si fece conoscere sul finire degli settanta per le sonorità new wave e synth pop. Ma per la frattura al polso causata dal pirata della strada, DI Ranno è stato costretto a dare forfait.

[ad_2]
L’articolo Auto pirata investe scooter, feriti Fabio Di Ranno sceneggiatore dei Cesaroni e la figlia
roma.repubblica.it è stato pubblicato il 2023-09-28 15:44:56 da repubblicawww@repubblica.it (Redazione Repubblica.it)

Potrebbe piacerti anche
Lascia una risposta

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More