Formia, Un comitato per l’ordine pubblico sulla movida che preoccupa

0



Un video diffuso dal comitato civico del quartiere di Mola prova che molti dei timori degli ultimi giorni sulla movida violenta erano più che fondati. E infatti venerdì mattina, dopo gli esposti e le lettere dei residenti si è tenuto un vertice in Prefettura con il sindaco di Formia e le forze di polizia.

Lo ha reso noto la stessa amministrazione di Formia nella tarda serata di venerdì. «A seguito di segnalazioni su asseriti episodi di presunta “mala movida”, prontamente il Prefetto di Latina Maurizio Falco ha nuovamente convocato il comitato per l’ordine e la sicurezza, nonostante che precedenti riunioni, sulle medesime problematiche, si fossero già tenute il 29 dicembre ed il 3 gennaio scorsi. – si legge nella nota del Comune di Formia – Tutti i partecipanti convocati al tavolo, compreso il Questore di Latina Raffaele Gargiulo e tutte le forze dell’ordine, hanno attentamente esaminato i possibili rischi per l’ordine e la sicurezza pubblica in occasione di eventi particolari, ricorrenze o altre circostanze che possono dar luogo ad assembramento di persone. Dall’analisi condotta nel corso dei ripetuti incontri è emerso che, per effetto delle Ordinanze emesse dal Sindaco di Formia, grazie alla pregiata sinergia e condivisione con le forze territoriali e al lavoro di monitoraggio e controllo assicurato costantemente da tutte le forze dell’ordine, l’attuale situazione di cosiddetta movida risulta allo stato gestibile in quanto riconducibile ad ordinarie aggregazioni di giovani e, pertanto, non sintomatiche in concreto di episodi di microcriminalità o di pericolosità pubblica. Ad ogni modo, il controllo della movida nella città di Formia rimane costantemente attenzionato dal Sindaco Gianluca Taddeo, dal Prefetto Falco e del Questore Gargiulo tra i quali permane una continua ed ininterrotta interlocuzione per creare e preservare una fitta rete di prevenzione e di protezione sociale».

La riunione del Comitato per l’ordine pubblico ha però anche consentito al Comitato di ribadire quanto sia stato difficile ottenere attenzione sul problema (esposti, interrogazioni, foto, denunce, riunioni…) e quanto resti attuale la necessità di controllare il piccolo borgo nei giorni di massima affluenza. E’ quanto viene riportato nel comunicato che ha seguito la riunione in Prefettura: « Certamente l’intervento del Prefetto, del Questore e delle Forze dell’Ordine, ha spinto il Sindaco Gianluca Taddeo ad adottare due ordinanze, una alla vigilia di Natale e un’altra per la serata del 31, notte di Capodanno. In quest’ultimo appuntamento, lo spettacolo tenutosi in largo Paone ha evitato che la calca si creasse nuovamente all’interno del centro storico. – si legge nel documento del comitato di quartiere – Che il Comune abbia l’obbligo di regolamentare le modalità di svolgimento della cosiddetta movida, soprattutto per quanto attiene alla sicurezza delle persone e al contenimento della musica, è assodato. E va ribadito che quanto sta accadendo da alcuni anni nel centro storico non è argomento che riguarda i residenti e i locali che fanno intrattenimento, con il Comune che se ne chiama fuori. Ci sono norme da rispettare nelle autorizzazioni, innanzitutto le superfici e i servizi dei locali. Spesso le superfici interne sono insufficienti e allora si occupano strade e marciapiedi per condurre l’attività. Così il tutto diventa una discoteca all’aperto nelle stradine del centro storico, con schiamazzi e pericolosi assembramenti ed evidenti disagi per i residenti. La sera del 24 dicembre, le vie citate nell’ordinanza erano affollatissime e attorno alle 21,30 c’è stata una rissa che fortunatamente non ha avuto gravi conseguenze. Anche in questa occasione sono intervenuti Polizia e Carabinieri, chiamati dai residenti».




L’articolo Formia, Un comitato per l’ordine pubblico sulla movida che preoccupa
www.latinaoggi.eu è stato pubblicato il 2024-01-06 16:26:01 da

Potrebbe piacerti anche

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More