Latina, Si insedia Angelillo. Gli obiettivi: fronteggiare le nuove minacce

Latina, Si insedia Angelillo. Gli obiettivi: fronteggiare le nuove minacce

Latina, Si insedia Angelillo. Gli obiettivi: fronteggiare le nuove minacce



Latina, Si insedia Angelillo. Gli obiettivi: fronteggiare le nuove minacce

«Questo è un territorio impegnativo. Conosco bene le origini dei clan e delle proiezioni che arrivano qui. Adesso cambio prospettiva, voglio dare il mio contributo. Ringrazio il comando generale dell’Arma dei Carabinieri e spero di essere all’altezza di un compito entusiasmante che mi hanno affidato». Il nuovo comandante provinciale, il colonnello Christian Angelillo, 46 anni, originario di Gioia del Colle in provincia di Bari, è motivato più che mai.
C’è l’entusiasmo, c’è la determinazione e tanto equilibrio nel primo giorno di scuola come lo chiama lui qui a Latina.
Ieri mattina si è ufficialmente insediato al Comando Provinciale dei Carabinieri, arriva dal Reparto Operativo di Napoli dove ha svolto indagini delicate e complesse. «Ringrazio il mio predecessore, il colonnello Lorenzo D’Aloia a cui faccio i migliori auguri e con il quale abbiamo lavorato insieme a Napoli». Queste le prime parole nel corso dell’incontro con i giornalisti. In questi primi giorni l’alto ufficiale ha incontrato il Prefetto Maurizio Falco, il Procuratore Capo Giuseppe de Falco e le altre istituzioni della provincia. E’ consapevole di ciò che lo aspetta.

«Prima di tutto voglio salutare i cittadini della provincia di Latina e tutti i carabinieri. Questo territorio l’ho incontrato sotto il profilo investigativo nelle mie precedenti esperienze professionali – ha spiegato Angelillo – posso garantire ai cittadini gentilezza, professionalità e conforto. Rivolgetevi a noi e avrete sempre una risposta» è l’invito indirizzato alla cittadinanza.
Angelillo parla anche di metodo investigativo e guarda oltre. «Il mio impegno è di fronteggiare nuove minacce – avverte – oggi la dimensione virtuale ha un’importanza fondamentale per interpretare il territorio e l’Arma si caratterizza per la presenza dei comandi stazione che sono importantissimi. La capacità di interpretare il mondo virtuale offre una dimensione per capire meglio ogni singola realtà. Che questo sia un territorio impegnativo lo dimostrano le indagini e le interdittive antimafia disposte dalla Prefettura».

Angelillo prima di arrivare a Latina è stato a Napoli per tre anni, nello stesso ufficio dove ha lavorato anche D’Aloia, come comandante del Nucleo Investigativo prima dell’esperienza a Roma. Poi ha ricoperto l’incarico di Capo della terza sezione dell’Ufficio Criminalità organizzata del Comando Generale dei Carabinieri cooperazione internazionale di polizia in materia di Terrorismo, Crimini Gravi e Criminalità Organizzata.
Da ieri ha raccolto il testimone del collega D’Aloia. «Voglio proseguire nel solco tracciato dal mio predecessore», ha ribadito con. Al Provinciale di Latina inizia l’era Angelillo.




L’articolo Latina, Si insedia Angelillo. Gli obiettivi: fronteggiare le nuove minacce
www.latinaoggi.eu è stato pubblicato il 2023-09-15 19:30:03 da