Strage alla riunione di condominio, ammesse 36 parti civili – Notizie


Il gup di Roma ha ammesso 36 parti
civili, tra parenti e amici, nel procedimento a carico di
Claudio Campiti, l’uomo che l’11 dicembre del 2022 ha ucciso
quattro donne nel corso di una riunione del Consorzio Valleverde
a Fidene, in un gazebo di via Monte Giliberto. Lo stesso
Consorzio è stato ammesso come parte lesa.

   
Il pm Giovanni Musarò, che ha affidato le indagini ai
carabinieri, contesta all’imputato, che non era presente in
aula, le accuse di omicidio aggravato dalla premeditazione e dai
futili motivi, di tentato omicidio di altre cinque persone
sedute al tavolo del consiglio di amministrazione del consorzio
e di lesioni personali derivate dal trauma psicologico subito
dai sopravvissuti.

   
Nel procedimento sono coinvolti, per reati omissivi nel
controllo delle armi, anche il presidente della Sezione Tiro a
Segno Nazionale di Roma e un dipendente addetto al locale
dell’armeria del poligono di tiro di Tor di Quinto dove Campiti
prese l’arma utilizzata poi per compiere la strage. I due
indagati hanno scelto il rito immeditato e l’udienza è stata
fissata nel 2024.

   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA


L’articolo Strage alla riunione di condominio, ammesse 36 parti civili – Notizie
www.ansa.it è stato pubblicato il 2023-10-12 13:28:18 da